Il viaggio di Lazzaro Spallanzani a Porto Venere e alle Alpi Apuane, nell’estate del 1783

19,00

Non Disponibile

Esaurito

Sfoglia la lista dei desideri
COD: P27 Categoria:

Lazzaro Spallanzani (1729-1799), abate e naturalista, è stato un grande scienziato italiano. Per il rigore e l’acume scientifico con cui applicò il metodo sperimentale alle sue osservazioni in embriologia, fisiologia e anatomia è considerato uno dei fondatori della biologia moderna.

Lazzaro Spallanzani soggiornò a Porto Venere dalla fine di luglio all’inizio di ottobre 1783 effettuando importanti osservazioni naturalistiche sugli organismi marini propri dei fondali del Golfo della Spezia e sulla conformazioni dei monti che lo circondano.

Soggiornò quindi fino alla fine di ottobre a Carrara e Massa dove effettuò importanti osservazioni naturalistiche sulla conformazione delle Alpi Apuane e sul loro marmo, nonché sui fiumi Carrione e Frigido. Sulla via del ritorno verso Modena, effettuò ulteriori osservazioni sulla Garfagnana e sull’Appennino Tosco Emiliano.

Ebbe inoltre modo di osservare, durante il viaggio, gli effetti concomitanti della catastrofica eruzione del vulcano Laki in Islanda, che interessarono tutto l’emisfero nord della Terra, e successivamente le loro conseguenze sul clima.

Gli scritti di Lazzaro Spallanzani sul Golfo della Spezia e sulle Alpi Apuane abbracciano campi quali la biologia marina, la geologia, la petrologia, la cristallografia, l’antropologia e costituiscono il primo importante episodio della loro Storia Naturale.

Autore

Fabio Rolla

Anno

2015

Pagine

200

ISBN

9788897070894

L'Autore

Fabio Rolla (26/08/1948) dopo aver lavorato con incarichi di responsabilità
in importanti aziende navali, elettromeccaniche ed impiantistiche si è
dedicato allo studio della storia naturale del Golfo della Spezia, delle Alpi
Apuane e dell’Arcipelago Toscano.