Sarzana tra fascismo e libertà

12,00

Disponibile
COD: P15 Categoria:

… la storia di un giovane cresciuto in famiglia a pane e antifascismo. A 19 anni entra nella politica clandestina e viene arrestato e tradotto in carcere due volte a Sarzana. Partigiano a Carrara è catturato dai tedeschi e condannato a morte, ma riesce miracolosamente a salvarsi con i compagni. La sua è una testimonianza d’eccezione e assolutamente credibile, per i dettagli della sua prodigiosa memoria, sulla guerra e i suoi orrori, sulla povertà e la fame del dopoguerra, sui problemi della ricostruzione fisica e morale della città, ma anche sui personaggi, per molti versi incredibili che la popolavano. Un libro insomma da leggere per conoscere, per ricordare, per non dimenticare.

Autore

Wether Bianchini

Anno

2012

Pagine

142

ISBN

9788897070528

L'autore

Werter Bianchini è nato a Sarzana nel 1924. Ha vissuto la sua prima giovinezza in compagnia del cugino Paolino Ranieri, perseguitato antifascista e poi sindaco di Sarzana dal 1946 al 1970. Giovanissimo, fu nominato responsabile locale dell’organizzazione clandestina del Fronte della Gioventù, di estrazione comunista, subendo per questo il carcere, fino a quando nel primo dopoguerra si ritirò dalla politica. È alla sua prima prova di narratore.